giovedì, Giugno 20, 2024

Ma quanto ti costa un Data Breach?

Share

Nella vita aziendale, la sicurezza informatica è diventata una priorità assoluta per le imprese di ogni dimensione. Esiste ancora un diffuso equivoco secondo cui le piccole imprese sarebbero meno esposte ai rischi di data breach rispetto ai colossi del mercato. La realtà dei fatti dimostra esattamente il contrario: i dati sensibili delle piccole imprese sono obiettivi altrettanto appetibili per i cybercriminali, se non addirittura più facili da attaccare a causa delle possibili lacune nella sicurezza informatica.

Uno studio condotto dall’Unione Europea evidenzia come oltre il 60% delle piccole e medie imprese abbia subito almeno un cyber attacco nell’ultimo anno. In Italia, secondo i dati forniti da Clusit (associazione italiana per la sicurezza informatica), i cyber attacchi hanno registrato un incremento del 38% solo nell’ultimo anno, con le PMI particolarmente vulnerabili.

La questione non riguarda solo la perdita di dati sensibili, ma anche le conseguenze finanziarie e reputazionali che possono risultare devastanti. Secondo l’ISTAT, il costo medio di un data breach per una PMI italiana si aggira attorno ai 50.000 euro, una cifra che può compromettere seriamente la stabilità economica dell’impresa.

Un data breach non comporta solo sanzioni amministrative, che possono raggiungere cifre considerevoli, ma anche costi legali, di ripristino dei sistemi e di interruzione dell’attività. Il Garante per la Protezione dei Dati Personali in Italia, negli ultimi anni, ha imposto multe significative, che sottolineano l’importanza di una gestione attenta e conforme della sicurezza dei dati.

Le piccole imprese devono inoltre affrontare la sfida della business continuity: un attacco informatico può bloccare le operazioni per giorni, se non settimane, con effetti a cascata su tutta l’organizzazione. Gli oneri di un’indagine forense per determinare le cause dell’attacco e le misure da adottare per prevenire futuri incidenti possono gravare ulteriormente sul bilancio aziendale.

Il costo più difficile da quantificare, ma non per questo meno rilevante, è il danno reputazionale. Un data breach può minare la fiducia dei clienti, con una conseguente perdita di affari che può estendersi ben oltre il periodo immediatamente successivo all’incidente. In un mercato competitivo come quello italiano, dove la fiducia del cliente è un bene prezioso, le ripercussioni possono essere a lungo termine.

Le piccole imprese, spesso con budget limitati, devono cercare soluzioni efficaci ma economicamente sostenibili per proteggere i propri asset digitali. Strategie quali la formazione dei dipendenti, l’adozione di software antivirus aggiornati, il backup regolare dei dati e la verifica periodica delle vulnerabilità del sistema possono contribuire significativamente a ridurre il rischio di un data breach.

La sicurezza informatica deve essere considerata un elemento fondamentale della strategia aziendale per le PMI italiane. Di fronte a queste considerazioni, diventa evidente che investire nella sicurezza informatica non è un lusso ma una necessità.

Ti è piaciuto questo articolo?

Read more

Ultimi articoli