giovedì, Giugno 20, 2024

Non dire proprio tutto a tutti!

Share

L’evoluzione tecnologica ha pervaso ogni ambito della nostra vita, compreso il settore del fitness, trasformandolo con l’introduzione di dispositivi e app intelligenti progettati per monitorare le prestazioni fisiche e migliorare la salute generale.

Tuttavia, questo progresso porta con sé sfide significative, in particolare riguardo alla gestione e tutela dei dati personali e del singolo individuo.

Questi dispositivi, parte integrante dell’Internet of Things (IoT), sono capaci di raccogliere un’enorme quantità di dati sensibili, non solo sanitari, ma anche capaci di geolocalizzare e tracciare spostamenti, aumentando esponenzialmente le possibilità di trattamento e diffusione dei dati personali, talvolta anche per finalità ignote all’utente stesso. La loro natura “social” e la possibilità di condividere obiettivi con altri utenti amplificano ulteriormente i rischi per la privacy.

Il Garante italiano ha evidenziato come l’uso indiscriminato di queste tecnologie, soprattutto senza la dovuta supervisione nel caso di minori, possa esporre a rischi significativi per la privacy dei loro dati. In particolare, si sottolinea il rischio di condivisione dei dati con terze parti senza il consenso darne esplicito, come dimostrato da casi in cui dati utente sono stati condivisi con società assicurative, influenzando le tariffe senza approvazione.

Ecco una serie di consigli per un uso consapevole dei fitness tracker forniti dal Garante, tra cui l’importanza di leggere attentamente le informative sulla privacy, minimizzare il trattamento dei dati al solo necessario, prestare attenzione alle connessioni con altri dispositivi e limitare la condivisione di dati, soprattutto in ambienti social.

Per proteggere i dati personali, si raccomandano diverse pratiche di sicurezza:

  • uso di password complesse;
  • l’aggiornamento regolare delle app
  • scaricare le app solo da siti web e market ufficiali per evitare rischi di sicurezza;
  • l’autenticazione a più fattori;
  • gestione attenta di Bluetooth e Wi-Fi;
  • cancellazione periodica dei dati memorizzati;
  • tutela dei dati dei minori, per i quali si raccomanda un approccio ancora più diligente.

L’integrazione sempre più profonda della tecnologia nel quotidiano richiede un approccio informato e proattivo alla protezione dei dati personali, sia per gli adulti che per i minori.

La chiave è l’equilibrio tra innovazione tecnologica e protezione dei dati personali, un obiettivo che richiede la collaborazione di utenti, produttori e regolatori.

Ti è piaciuto questo articolo?

Read more

Ultimi articoli