giovedì, Giugno 20, 2024

Cinque misure minime di sicurezza da implementare in un’azienda strutturata.

Share

Un’azienda strutturata deve saper implementare almeno cinque misure minime per proteggere la propria rete (i server, firewall, autenticazione, accessi esterni e dipendenti). Questo è il “minimo sindacale” a cui prestare attenzione.

5 misure minime di sicurezza da implementare in un'azienda

1. Firewall avanzato

Implementare un firewall avanzato è fondamentale per proteggere la rete aziendale da accessi non autorizzati e attacchi provenienti dall’esterno. Un firewall ben configurato filtra il traffico di rete in base a regole specifiche e blocca le connessioni indesiderate o sospette. Al fine di garantire una protezione efficace, occorre assicurarsi che il firewall sia configurato in modo adeguato e venga costantemente aggiornato.

2. VPN (Virtual Private Network)

Utilizzare una VPN per consentire ai dipendenti o personale esterno di accedere alla rete aziendale in modo sicuro da remoto è una misura importante. Una VPN crea un tunnel crittografato tra il device esterno e la propria rete aziendale, proteggendo così le comunicazioni da potenziali intercettazioni. Inoltre, il suo utilizzo fa sì che solo i dispositivi autorizzati possano accedere alla rete interna e alle risorse designate.

3. Autenticazione multifattore (MFA)

Implementare l’autenticazione a più fattori MFA o 2FA per gli utenti interni e gli accessi esterni ad oggi è indispensabile. L’MFA richiede più di un metodo di autenticazione (ad esempio, una combinazione di password, codici generati dall’app o biometria) per verificare l’identità degli utenti. Tale sistema rende molto più difficile per gli attaccanti compromettere gli account anche se in possesso di password di accesso. L’autenticazione a più fattori può essere applicata a più livelli. Per esempio accesso a cartelle di rete interne, posta elettronica o singolo
applicativo.

Monitoraggio e rilevamento delle intrusioni (IDS/IPS):

Monitorare e rilevare le intrusioni attraverso appositi sistemi permette di identificare attività sospette o anomale sulla rete. L’IDS (sistema di rilevamento delle intrusioni) rileva gli eventi sospetti, l’IPS (sistema di prevenzione delle intrusioni) aiuta ad intraprendere azioni preventive come il rifiuto di pacchetti di rete malevoli o il blocco di connessioni dannose.

Aggiornamenti regolari

È fondamentale mantenere i server, gli apparati (switch, firewall, …) e i relativi software di rete aggiornati applicando regolarmente le patch di sicurezza rilasciate dai fornitori o costruttori. Gli aggiornamenti non si limitano a correggere le vulnerabilità note ma migliorano la sicurezza dei sistemi. Assicurarsi che vi sia una politica per monitorare e applicare con tempestività gli aggiornamenti, sia per i server interni che per i dispositivi di rete è imprenscindibile.

Implementando queste pratiche di sicurezza, un’azienda strutturata può migliorare notevolmente la protezione della propria infrastruttura IT. È importante adottare un approccio olistico alla sicurezza informatica e garantire che queste misure siano monitorate, aggiornate e adattate alle nuove minacce e alle best practice del settore costantemente.

Ti è piaciuto questo articolo?

Read more

Ultimi articoli